Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito.
Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI. OK

Tutti gli eventi organizzati dall'Archivio storico


Carte e pensieri per costruire la città. Eccellenze dell'Archivio Storico dell'Università di Bologna (Mostra)

 
8 giugno -27 luglio 2016
Casa Saraceni

29 giugno - 11 settembre 2016
Palazzo dell'Archiginnasio
Carte e pensieri per costruire la città. Eccellenze dell'Archivio Storico dell'Università di Bologna (Mostra)
L’Università di Bologna e la Grande guerra (Mostra)

 
Martedì 9 giugno 2015, ore 17,30 presso
l'Aula Magna di Santa Lucia - Via Castiglione 36 - Bologna

si inaugura la mostra:
L’Università di Bologna e la Grande guerra
In occasione del centenario della Prima guerra mondiale, l’Archivio Storico dell’Università di Bologna organizza una mostra dedicata ai docenti e agli studenti dell’Ateneo bolognese coinvolti nel conflitto
Introdurranno la visita il Magnifico Rettore dell’Università di Bologna, prof. Ivano Dionigi, ed il prof. Gian Paolo Brizzi del Dipartimento di Storia Culture Civiltà.

Sarà possibile visitare la mostra solo in occasione di eventi accademici, fino al 31 dicembre 2015.
L’Università di Bologna e la Grande guerra (Mostra)
Il Genocidio degli Armeni 1915-2015 (Mostra)

 
La testimonianza di Armin T. Wegner, un Giusto per gli Armeni e per gli Ebrei.
Chiostro del Dipartimento di Storia Culture Civiltà
Piazza S. Giovanni in Monte, 2, Bologna

Inaugurazione:
16 aprile 2015 alle ore 11 nell’Aula Capitani del Dipartimento di Storia Culture Civiltà conferenza di Marcello Flores Conoscenza e rimozione del genocidio armeno e la presentazione di Anna Maria Kuciukian Samuelli, curatrice della mostra.

Apertura al pubblico: 16-30 aprile 2015, lunedì-venerdì ore 8,00-19,00
Il Genocidio degli Armeni 1915-2015 (Mostra)
Studenti grandi firme (Mostra)

 
Venerdì 30 gennaio 2015, ore 16.30 presso la
Biblioteca comunale dell’Archiginnasio, piazza Galvani 1, Bologna
è stata inaugurata la mostra
Studenti grandi firme:
l’editoria studentesca come laboratorio degli intellettuali italiani. 1860-1977

La ricca collezione di riviste studentesche conservata all’Archivio storico dell’Università di Bologna restituisce gli esordi di giovani poi divenuti protagonisti del giornalismo e della grafica. Attraverso queste prime prove d’artista a firma Enzo Biagi o Pier Paolo Pasolini, Benito Jacovitti o Andrea Pazienza, la mostra ripercorre la storia della cultura italiana dall’Unità agli anni Settanta.

Biblioteca comunale dell’Archiginnasio, piazza Galvani 1, Bologna

Orari di apertura al pubblico: 31 gennaio-15 marzo 2015
lunedì-sabato ore 9-19; domenica ore 10-14
Studenti grandi firme (Mostra)
“In attesa di quel domani di libertà”

 
Mostra organizzata in occasione del 70° anniversario della battaglia dell’Università dall’Archivio storico - DiSCi Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna.
Hanno collaborato: Andrea Daltri, Paola Dessì, Daniela Negrini, Pier Paolo Zannoni.
Responsabile scientifico: Gian Paolo Brizzi.
La mostra verrà inaugurata lunedì 20 ottobre 2014 alle ore 11:00 nell'atrio di accesso alla Biblioteca Universitaria in via Zamboni 33, e sarà visibile fino al 4 novembre.


“In attesa di quel domani di libertà”
"Diaspore. 1938, l'Università di Bologna davanti alle leggi razziali" (Mostra)

 
Venerdì 24 gennaio 2014 alle ore 15,
Palazzo dell'Archiginnasio, Piazza Galvani, 1.
Il Sindaco di Bologna, il Magnifico Rettore e il Rabbino della Comunità ebraica
inaugureranno la mostra:
"Diaspore. 1938, l'Università di Bologna davanti alle leggi razziali"
curata dall'Archivio storico-Dipartimento Storia Culture Civiltà.


L'Archivio storico per il Vajont

 
L'11 Ottobre 2013, a cinquant'anni di distanza dalla tragedia del Vajont, l'Archivio storico dell'Università di Bologna ricorda il disastro che si abbattè sulla valle del Piave con la pubblicazione di documenti inediti (resoconto, fotografie, quotidiani) donati da Giovanni Mola, ispettore generale medico inviato a Longarone dal Ministero della Sanità all'indomani della catastrofe, e conservati nell'Archivio storico.
L'Archivio storico per il Vajont
Quante storie nella Storia

 
In occasione della manifestazione “Quante storie nella Storia” l’Archivio storico propone l’incontro:
La storia sui muri. La decorazione parietale della Biblioteca dell’Archiginnasio
Dalla lettura della suggestiva decorazione parietale del Palazzo dell’Archiginnasio, composta dagli stemmi degli studenti che frequentarono l’antico Studio Bolognese, si ricostruiranno storie e vicende della più antica Università d’Europa.
6-12 maggio 2013



Quante storie nella Storia
Imago Universitatis - Vol. 2

 
Presentazione del secondo volume Imago Universitatis
Sabato 22 settembre 2012, ore 17.00
Biblioteca comunale dell'Archiginnasio
Sala dello Stabat Mater
Piazza Galvani 1, Bologna
Imago Universitatis - Vol. 2
I Professori dell'Università di Bologna al tempo dell'Unità nazionale (Mostra)

 
4 aprile - 15 dicembre 2011
Aula Magna Santa Lucia
Mostra organizzata dall'Archivio storico dell'Università di Bologna.
La mostra viene aperta in occasione di cerimonie accademiche.
I Professori dell'Università di Bologna al tempo dell'Unità nazionale (Mostra)
Imago Universitatis - Vol. 1

 
Presentazione del volume Imago Universitatis
Martedì 25 ottobre 2011, ore 17.30
Biblioteca comunale dell'Archiginnasio
Sala dello Stabat Mater
Piazza Galvani 1, Bologna
Imago Universitatis - Vol. 1
1938: le leggi "razziste" e gli studenti stranieri ebrei all'Università di Bologna (Mostra)

 
Giornata della memoria
25-28 gennaio 2011
Chiostro san Giovanni in Monte

La mostra è organizzata dall'Archivio storico dell'Università di Bologna e dal Dipartimento di Discipline storiche, antropologiche e geografiche.
Hanno collaborato con Gian Paolo Brizzi:Paolo Ognibene, Daniela Negrini, Paola Dessì, Sandra Marciatori, Maria Grazia Suriano, Pier Paolo Zannoni, Chiara Cocchi, Cristina Chersoni.

1938: le leggi
Gli studenti dell’Università di Bologna dal fascismo alla liberazione (Mostra)

 
Mostra promossa dal MeuS - Museo europeo degli Studenti e dall’Archivio storico dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna con il patrocinio del Dipartimento di Discipline storiche, antropologiche e geografiche e la collaborazione del Centro Internazionale di Didattica della Storia e del Patrimonio.
Inaugurazione 21 aprile 2010.
La mostra è aperta al pubblico ogni mercoledì dalle 10 alle 12, dal 22 settembre 2010 al 23 marzo 2011, ingresso da via de' Chiari 25/a.
Per visite guidate prenotare ai numeri 051-2088500/2088510.

Gli studenti dell’Università di Bologna dal fascismo alla liberazione (Mostra)
Festa di compleanno del MeuS

 
Festa di compleanno del MeuS, Museo Europeo degli Studenti.
Sabato 17 aprile 2010, ore 17
Palazzo Poggi
Via Zamboni 33, Bologna
Festa di compleanno del MeuS
Riconoscimento di qualità

 
24 febbraio 2010
Il MeuS Museo Europeo degli Studenti ottiene da Regione Emilia-Romagna Istituto per i beni artistici culturali e naturali il riconoscimento di "Museo di Qualità".
Riconoscimento di qualità
Presentazione del portale "La Memoria di Bologna" (Conferenza stampa)

 
Presentazione del portale "La Memoria di Bologna"
Iperbole, Rete civica di Bologna
Bologna, 31 maggio 2010, ore 13,00
Sala Savonuzzi
Palazzo d'Accursio

Link al sito
Presentazione del portale
Inaugurazione MeuS

 
Inaugurazione del MeuS - Museo europeo degli Studenti.
Bologna, 28 marzo 2009
Palazzo del Rettorato
Via Zamboni 33, II Piano.

Hanno partecipato: il Rettore dell'Università di Bologna Pier Ugo Calzolari, Renzo Arbore, Gian Paolo Brizzi Direttore del MeuS.

Orari di apertura del museo: martedì-venerdì 10.00-13.00 / 14.00-16.00; sabato e festivi 10.30-13.30 / 14.30-17.30. Ingresso gratuito.

Inaugurazione MeuS
Settantasette (Mostra)

 
SETTANTASETTE
Mostra documentaria sul '77 a Bologna
Film di Mili Romano "Il rumore del tempo".

Bologna, 28 settembre - 26 ottobre 2007
Settantasette (Mostra)
Il Professore Carducci (Mostra)

 
I compiti in classe di Giovanni Pascoli, suo allievo, con tanto di correzioni. E i racconti delle sue studentesse. Oda Montanari fu una delle poche donne a presentersi da lui a lezione. La gelò: "Secondo me lei ha sbagliato porta". Eccolo, il professor Carducci. Il poeta, il Vate della Terza Italia, raccontato quando saliva in cattedra all'Università di Bologna. La mostra, allestita in Aula Carducci via Zamboni 33 da Gian Paolo Brizzi, direttore dell'Archivio storico dell'Alma Mater, con la collaborazione di Paola Dessì, Daniela Negrini e Pier Paolo Zannoni, sarà inaugurata venerdì 16 marzo 2007 alla presenza del presidente Napolitano.
La mostra è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 fino al 27 luglio 2007; riaprirà poi dal 10 settembre fino al 21 dicembre 2007. L'ingresso è libero.
Il Professore Carducci (Mostra)
Il Presidente Napolitano visita la mostra dell'Archivio Storico

 
Il Presidente Napolitano visita la mostra dell'
Archivio Storico

Bologna, 16 marzo 2007
Il Presidente Napolitano visita la mostra dell'Archivio Storico
"Ripensando a Budapest, dopo cinquant'anni" (Convegno)

 
L’Archivio storico dell’Università di Bologna ha chiamato importanti politologi italiani e ungheresi a discutere in due giornate di convegno “Ripensando a Budapest, cinquant’anni dopo” sul significato e gli effetti di quella rivoluzione. Il convegno internazionale di studio, ospitato il 28 e 29 settembre 2006 nell’Aula Prodi in San Giovanni in Monte, è stato organizzato in collaborazione con l’Università di Szeged, sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica italiana e del Presidente della Repubblica d’Ungheria.
Gli atti del convegno sono in corso di stampa.

Ripensare a Budapest attraverso le immagini e le parole di quei giorni (Mostra)

 
La mostra ricorda i fatti di Ungheria attraverso le immagini e i protagonisti di allora, i comunicati della radio di Stato e i ricordi di Laszlo Beke, studente ungherese scappato in Canada per sfuggire alla condanna morte. Il tentativo di rivolta da parte degli insorti, infatti, si concluse con la perdita di migliaia di civili e con l’esodo di molti ungheresi che nel tentativo di scampare al regime giunsero in molte parti d’Europa arrivando anche in Italia e a Bologna. Si è voluto pertanto illustrare anche ciò che l’Università di Bologna fece per i giovani profughi offrendo loro l’opportunità di un’istruzione e di una formazione al lavoro.
La mostra, curata da Gian Paolo Brizzi e Fabio Martelli e organizzata da Paola Dessì, Daniela Negrini e Pierpaolo Zannoni, è stata allestita in occasione del convegno
“Ripensando a Budapest, dopo cinquant'anni"
tenuto a Bologna in Piazza San Giovanni in Monte nelle giornate del 28 e 29 settembre 2006.

Ripensare a Budapest <i>attraverso le immagini e le parole di quei giorni</i> (Mostra)
Ripensando a Budapest, dopo cinquant'anni (presentazione atti del convegno)

 
Il Prof. Francesco Benvenuti presenta il volume Ripensando a Budapest, dopo cinquant'anni / Budapest: 1956 - olasz tanulmányok és visszaemlékezések, a cura di Gian Paolo Brizzi, Pál József, Fabio Martelli.

Lunedì 24 settembre 2006, ore 17
Sala dell'VIII Centenario
via Zamboni 33, Bologna.
Ripensando a Budapest, dopo cinquant'anni (presentazione atti del convegno)
"Scatti di democrazia" (Concorso e mostra)

 
Le fotografie del concorso “Scatti di democrazia” rivolto agli studenti universitari e agli studenti delle scuole secondarie di II grado di Bologna e provincia sono state ispirate ai Princìpi e ai Diritti della Costituzione, con riferimento a uno o più articoli a scelta, tra i primi 54 della Carta. Le migliori immagini, selezionate da una giura di esperti, sono state pubblicate ed esposte nella mostra allestita in piazza Nettuno a Bologna durante le celebrazioni del 60° anniversario della Repubblica Italiana il 2 giugno 2006.





“ ... ed eccoci tutti con il berretto!” (Mostra)

 
Hat Cap Feluca Zuccotto Orsina Stelle Faluche Penne Calotte Bierpet Mutze Tonken Bigornio, Cerevis, Sturmer Barett … tante parole in tutte le lingue per esprimere un unico intento: siamo studenti!

Il cappello studentesco costituisce il tema della mostra organizzata dal Meus (Museo europeo degli studenti) a cura di Gian Paolo Brizzi, direttore dell’Archivio storico, e Paola Dessì. L’esposizione, inaugurata martedì 11 aprile 2006 presso l’Aula Magna di Santa Lucia alla presenza del Magnifico Rettore Pier Ugo Calzolari e di Renzo Arbore, ripercorre la storia del cappello studentesco attraverso le mode e gli usi nelle principali università europee.

La mostra è visitabile nei giorni di apertura dell’Aula Magna di Santa Lucia in occasione di cerimonie accademiche (ingresso via De Chiari)

“ ... ed eccoci tutti con il berretto!” (Mostra)